Pagelle Crampo – Pfp

Nicolé – Il gattone fa quel che può, ma sul primo gol avversario non ha colpe ed il rigore non fa testo. Cerca di mettere ordine nel marasma della difesa, ma la pazzia regna sovrana e lui rimane vox clamantis. Inascoltato, voto 6.

 

Candotti jr – In branda nel primo tempo, sonnecchia lasciando troppi spazi agli avversari. Le dimensioni del terreno di gioco non lo agevolano e si fa trovare spesso fuori posizione, poi nella ripresa cresce un pochino. Narcolessia, voto 5.5.

 

Crivellaro – Lui e il Candotti coi piedi buoni parlano due lingue differenti e alla fine i meccanismi difensivi ne risentono. I ciuffi malevoli del campo di via Dottesio fanno il resto, indisponendolo. Sfasato, voto 6.

 

Bertolini – Urla, sbraita, baccaglia a più non posso, lasciando spazio di manovra all’attaccante che opera dalla sua parte. Se la prende con tutti e perde la concentrazione necessaria, finendo risucchiato nella mediocrità generale. Medico, cura te stesso, voto 5.5.

 

Franceschi – Abituato al velluto, mal si adatta al fustagno dell’impianto di via Dottesio. Fatica a trovare una sponda adeguata nei compagni e la sua velocità serve a poco nel nugolo di avversari che si ritrova di fronte. Frustrazione, voto 6.

 

Candotti sr – L’esordio in campionato lo sorprende in una giornata “nì”: la gamba c’è, la testa meno e si ritrova a dover gestire la palla pazza rimbalzosa nella terra di nessuno del centrocampo. Ci prova di fino, quindi tenta la carta della quantità. Fioretto & scherzetto, voto 6.

 

Piran – Lo spazio di manovra non c’è, le maglie gialle sembrano essere dappertutto e la grisa si trova sempre la strada sbarrata. Sbuffa, sgroppa e sgomita, ma senza troppi risultati. Compressore, voto 6.

 

Carretta – La partita del nostro lattiginoso roscio non sarebbe neanche male. Puntuale in quasi tutte le chiusure, propositivo quando se ne presenta l’occasione. Peccato che la sua materia cerebrale si prenda una pausa e vada a bersi un caffè per qualche istante, convincendolo a provare una mossa di breakdance sull’attaccante avversario in piena area. Dr. Carretta and mister Hyde, voto 5.5.

 

Zuin – La sfortuna lo perseguita e nella bolgia del campetto di patate non ne imbrocca una. Incide meno del solito nel gioco della squadra, imbrigliato negli spazi stretti della difesa del Crampo. Assente, voto 5.5.

 

Bonavina – Anche stavolta tenta di prendere per mano i ragazzi, ma si accorge tardi che sta portando a spasso una biscia impazzita e senza testa. La butta dentro su punizione e si guadagna un bel penalty che sistema la giornata. Pifferaio , voto 6.5.

 

Ricci – Il campo in questione gli è nemico da sempre e lui, come un cane di Pavlov, reagisce allo stimolo in modo negativo. Entra e si nasconde in una delle tasche della felpa di Fusetti, sbandieratore a strisce. Timoroso, voto 5.5.

 

Sabbadini – Nella partita più difficile dimostra di avere grinta da vendere e voglia di far bene. Non soffre timori riverenziali e affronta a viso aperto gli avversari, suonando la carica per i compagni. Arrivano i nostri, voto 6.5.

 

Pagelle Crampo – Pfpultima modifica: 2008-10-27T14:19:39+01:00da ferdy1975
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Pagelle Crampo – Pfp

  1. Garavello. In anni passati il campo di via Dottesio fu teatro di grandi imprese firmate dal nostro che stavolta replica a metà. Meno baldanzoso che in altre occasioni, circoscrive il suo raggio d’azione tracciando con le zampacce un cerchio di raggio di 4 metri per 4 entro il quale nessuno può passare. Voto 6, euclideo.

  2. Abbiamo rivisto i video alla moviola, da più angolazioni e con l’ausilio delle più innovative tecniche audiovisive. Il risultato è che non solo si tratta di un rigore ineccepibile, ma che Carretta andava ammonito, forse espulso e pure scomunicato. La Santa Sede però rifiuta di prendere una posizione in merito. Nella moviolona si vede chiaramente che misura con lo sguardo la distanza dalla linea laterale, dal fondo, dal polo magnetico e dal baracchino di Badole. Poi, solo dopo accurate analisi, parte la sciagattata…

  3. Concordo con il pingue sui voti troppo scudocrociati, ma un po’ di positività non guasta. Per quanto riguarda il nostro futuro tagliatore di nastri, mi duole doverlo difendere, ma ho trovato in internet un episodio simile a quello che lo ha visto coinvolto e che non ha portato ad un calcio di rigore. Eccovelo. ttp://www.youtube.com/watch?v=01_2WBApvww&feature=related

  4. Salve a tutti.
    Da ex capitano, nochè attuale vice (si fa per dire) di Mario “Mou” e soprattutto nuovo attaccante esterno nel 4-3-3, è immenso piacere scorgere che la bagarre mediatica tiene come sempre banco, con protagonisti i soliti noti..
    In attesa di “affinare” – si fa sempre per dire – la preparazione in vista del mio ritorno in campo, auspico alla squadra i risultati più rosei, convinto più che mai che l’obiettivo finale possa essere raggiunto.
    Fusa: Forza Spal..

Lascia un commento